5 ricette gustose a base di… cavolini di bruxelles

Sono spesso associati ad un brutto sapore e rappresentano, nell’immaginario collettivo, quella pietanza che le nostre mamme ci imponevano quasi a torturarci. Parliamo dei cavolini di Bruxelles, un ortaggio che, a dispetto della sua fama, può rappresentare un ottimo ingrediente da utilizzare nelle più disparate ricette.

Questa verdura tipicamente invernale, per la verità, presenta un gusto delicato, anche se davvero particolare e deciso. Ma, oltre a poter essere davvero buoni, i cavolini di Bruxelles possiedono anche delle importanti qualità: sono noti per l’elevato contenuto di sali minerali (come fosforo, ferro, proteine, fibre e vitamine) e per una serie di proprietà antiossidanti e antianemiche.

Dopo questa breve panoramica su questi ortaggi troppo spesso ignorati, vogliamo fornirti alcune indicazioni sul come cucinarli, in modo da gustarne appieno il sapore e farli assaggiare anche ai più restii. Ecco per te cinque ricette gustose a base di cavolini di Bruxelles.

1. Antipasto: Brisée con cavolini e birra

Una torta salata che nasconde, sotto la pasta brisée, un entusiasmante ripieno a base di cavolini di Bruxelles, castagne e funghi.

Ecco gli ingredienti che ti serviranno per quattro persone:
– 200 g di farina
– 120 g di burro
– funghi
– castagne cotte a vapore
– sei cavolini di Bruxelles
– aglio, scalogno, rosmarino, timo
– brodo vegetale q.b.
– sale e pepe
– mezzo bicchiere di birra chiara

Innanzitutto occorre polverizzare una parte dei funghi e mescolare la poltiglia con la farina e un po’ di sale, da impastare successivamente con burro e acqua. In questo modo si va a lavorare la pasta per realizzare la sfoglia e, una volta terminato, la si avvolge in pellicola per farla riposare un paio d’ore.

I restanti funghi vanno puliti e affettati, per poi saltarli in padella con olio, rosmarino, timo e aglio. Quanto ottenuto dopo la rosolatura va poi salato e pepato e tenuto da parte. Con il medesimo procedimento occorre rosolare lo scalogno, sfumando con la birra, per poi aggiungere le castagne e i cavolini di Bruxelles precedentemente lavati e tagliati in quarti. Infine, si aggiunge il brodo e il sale, e dopo una cottura di qualche minuto vanno aggiunti i funghi precedentemente preparati.

Il ripieno deve essere tenuto da parte mentre si va a creare la base di brisée: si può optare per un’unica torta, oppure dividere l’impasto in piccole coccottine. In ogni caso, una volta creata la base va aggiunto il ripieno e va successivamente ricoperto il tutto, sigillando accuratamente il composto interno. Cuocere in forno a 200 gradi per circa venti minuti e far riposare una decina di minuti prima di servire.

2. Primo Piatto: Pizzoccheri e cavolini di Bruxelles

Passando ad un primo piatto, ecco una ricetta che permette di combinare un classico invernale ai nostri cavolini di Bruxelles.

Ingredienti per 4 persone:
– olio di oliva
– brodo di carne
– alloro
– 300 g di pasta di semola di grano duro
– 250 g di cavolini di Bruxelles
– 200 g di castagne
– carote
– sale q.b.

Il primo passaggio è quello di cuocere in cavolini di Bruxelles in acqua salata; al contempo, dopo aver grattugiato le carote occorre scaldare queste ultime in una padella con olio e sale, alloro e le castagne precedentemente lessate. Dopo qualche minuto bisogna aggiungere i cavolini, prima scolati, e il brodo. Lasciar cuocere per cinque minuti.

Nel frattempo, cuocere la pasta al dente e, dopo la scolatura, aggiungere alla padella che contiene il mix di verdure. Continuare la cottura per un paio di minuti avendo cura di mescolare il tutto.

3. Secondo Piatto: filetto di maiale e cavolini di Bruxelles

Ingredienti per quattro persone:
– 300 g di cavolini di Bruxelles
– birra chiara
– 50 g mollica di pane
– aglio
– 1 cucchiaio di paprika dolce
– 600 g filetto di maiale
– 30 g di burro
– sale q.b.

Per preparare questo secondo sfizioso a base di cavolini di Bruxelles è necessario partire dalla cottura del filetto di maiale. Dopo aver grattugiato l’aglio e aver lavorato il burro insieme alla paprika, all’aglio e al sale, creare un composto da spalmare sul filetto di maiale. Nel frattempo si può tritare il pane per tostarlo.
Dopo aver trasferito la carne in una teglia, immergere con la birra e iniziare la cottura: il filetto deve andare in forno a 180° per mezz’ora.

Si può approfittare di questo tempo per pulire e lessare i cavolini di Bruxelles in acqua salata in ebollizione, scolandoli dopo qualche minuto. Una volta completata la cottura della carne, questa va prima rimossa per poter mescolare i cavolini alla base di cottura del filetto di maiale. Nel frattempo, tagliare a fette il maiale e servirlo al piatto insieme al fondo di cottura, cospargendo il tutto con le briciole di pane tostate.

4. Contorno: cavolini e cipolline alla pancetta

A seconda delle preferenze un contorno o un semplice antipasto davvero goloso.

Ingredienti per quattro persone:
– 20 fette di pancetta
– 500 g di cipolline
– 500 g di cavolini di Bruxelles
– 80 g di burro
– 1 bicchiere di vino bianco
– aglio
– olio, sale e pepe q.b.

Dopo aver pulito i cavoli e averli scottati in acqua salata per una decina di minuti, si procede ugualmente per le cipolline, avendo cura in entrambi i casi di passare quanto cotto sotto acqua fredda, sgocciolare e asciugare.

Avvolgere ogni cavolino con una fetta di pancetta, fissando poi con uno stuzzicadenti. Dopo aver scaldato l’olio e il burro, aggiungere l’aglio per farlo dorare. Dopodiché aggiungere i cavolini e le cipolline, facendo rosolare con un bagno di vino in evaporazione. Al termine, eliminare gli stuzzicadenti e servire.

5. Extra: Strudel di cavolini di Bruxelles e patate

Per concludere le nostre ricette a base di cavolini di Bruxelles, un rotolo di sfoglia ripieno di scamorza, patate e cavolini di Bruxelles.

Ecco gli ingredienti:
– 250 g di patate
– 50 g di burro
– 300 g di cavolini di Bruxelles
– 200 g di robiola o di ricotta
– 80 g di scamorza
– 2 cucchiai di latte
– 1 cucchiaio di semi di finocchio
– mezza cipolla
– un rotolo di pasta sfoglia
– sale e pepe q.b.

Dopo aver pulito cavolini e patate, lessarli separatamente al dente, per poi affettare le patate e tagliare i cavolini. Va preparato un soffritto a base di cipolla tritata e burro, cui aggiungere entrambi gli ingredienti insieme a semi di finocchio, pepe e sale.

Quanto alla pasta sfoglia, questa va srotolata e stesa con sopra la scamorza grattuggiata, in modo che aderisca alla pasta. Nel frattempo, ammorbidire la robiola (o la ricotta) con latte tiepido e unire a cavolini e patate in modo da creare un unico composto da versare sulla pasta. Il tutto va poi arrotolato, chiuso, spennellato con burro e cotto in forno preriscaldato a 180 gradi.